• /int
  • /eu
  • /uk
  • /au
  • http://www.axi.group/ar-ae
  • http://www.axi.group/en-ae
  • http://www.axiedge.io/cn
  • /es-mx
  • /fr-ma
  • http://www.edge-cn.co/id
  • /it-ch
  • /kr
  • /pl
  • /pt
  • /th
  • /tw
  • http://www.axiedge.site/vn
  • /zh-au
  • /jp
  • /za
  • http://www.solarisih.com/vu
  • http://www.global-edge.info/chn
Form not found

Che cos'è il trading di CFD e come funziona?

Education /
Milan Cutkovic
CFD Trading Guide

Che cosa sono i CFD?

I CFD, abbreviazione di "Contract for Difference", è un tipo di strumento finanziario derivato che consente ai trader di speculare sui movimenti di prezzo di varie attività sottostanti, come azioni, materie prime, valute o indici, senza possedere l'attività sottostante effettiva.

 

Che cos'è il mercato dei CFD?

Un'ampia gamma di prodotti e attività può essere negoziata come contratti per differenza. In questo mercato, i principali tipi di CFD includono: 

  • Forex: Forex o "FX" è l'abbreviazione del termine inglese foreign exchange, mentre con l’espressione "forex trading" ci si riferisce all'acquisto o alla vendita di coppie valutarie maggiori, minori ed esotiche. Le coppie di valutarie maggiori contengono il dollaro USA, come EUR/USD, GBP/USD, USD/JPY, AUD/USD, USD/CAD e USD/CHF. Le coppie di valute minori sono EUR/GBP, GBP/JPY, GBP/CAD, CHF/JPY, EUR/AUD e NZD/JPY. Le coppie valutarie esotiche comprendono la combinazione di una delle 8 valute principali e una valuta appartenente a un'economia emergente o in via di sviluppo, come AUD/SEK (dollaro australiano/corona svedese), CAD/SGD (dollaro canadese/dollaro di Singapore) e GBP/CZK (sterlina inglese/corona della Repubblica Ceca).
  • Azioni: Il mercato azionario è il luogo in cui gli investitori possono acquistare e vendere azioni di società quotate in borsa. Il mercato azionario più grande e più conosciuto a livello mondiale è quello statunitense, composto da oltre 4.000 società quotate in borsa come il NYSE (New York Stock Exchange), il NASDAQ, l'AMEX e altri ancora. Utilizzando i CFD, è possibile negoziare un'ampia gamma di azioni, tra cui i migliori titoli growth (titoli che si ritiene abbiano un elevato potenziale futuro) e i titoli value (titoli che si ritiene siano scambiati al di sotto del loro valore reale). I titoli growth più famosi appartengono alle principali società tecnologiche americane, spesso indicate come FAANG: Facebook (META), Amazon (AMZN), Apple (AAPPL), Netflix (NFLX) e Alphabet (GOOG).
  • Indici: Gli indici sono "panieri" di titoli singoli ma correlati tra loro. Ad esempio, l'indice S&P 500 rappresenta la performance complessiva delle 500 maggiori società quotate in borsa negli Stati Uniti, mentre l'indice NDXT (NASDAQ-100 Technology Sector Index) misura la performance delle 100 principali società tecnologiche. Gli indici sono solitamente classificati da istituzioni indipendenti come FTSE Group, Deutsche Börse e Standard & Poor's. Tra gli indici più diffusi vi sono l'S&P 500, il Dow Jones, il NYSE, il NASDAQ e l'FTSE 100.
  • Commodity (Materie prime): Le commodity sono materie prime utilizzate per la produzione di altri beni o scambiate sul mercato aperto. Le commodity possono essere suddivise in due categorie: soft commodity e hard commodity. I prodotti agricoli, come il caffè e il cacao, sono considerati soft commodity, mentre i metalli preziosi come l'oro o l'argento e fonti energetiche, come il gas naturale e il petrolio, sono considerati hard commodity.
  • Cripto valute: Le cripto valute come Bitcoin, Ethereum e Litecoin sono una forma relativamente nuova di moneta digitale alimentata da reti decentralizzate peer-to-peer, chiamate blockchain. A differenza dal denaro tradizionale emesse dalle banche centrali, le cripto valute in genere non sono controllate da un governo o da un'istituzione finanziaria e non richiedono la presenza di un intermediario finanziario. Le reti di cripto valute sono invece gestite dai partecipanti alla rete che verificano e confermano le transazioni.
  • Offerta pubblica iniziale (IPO): L'IPO è il processo attraverso il quale una società privata entra, per la prima volta, sul mercato azionario e vende le sue azioni al pubblico. Quando fai trading su IPO con CFD, vai long (acquistare) o short (vendere) sui movimenti del prezzo delle azioni. Ciò significa che hai la possibilità di aprire una posizione corta (di vendita) sulle azioni IPO, a seconda della tua strategia e delle tue previsioni sull’offerta pubblica iniziale.

 

Che cos'è il trading di CFD?

Quando si negozia un CFD, si stipula un contratto con un broker per scambiare la differenza di prezzo dell'attività sottostante tra l'apertura e la chiusura del contratto. Se ritieni che il prezzo di mercato dell'attività (ad esempio, valute, azioni, materie prime) aumenterà, puoi andare long (acquistare), mentre se prevedi un calo, puoi andare short (vendere). Il profitto o la perdita sono determinati dalla differenza di movimento del prezzo dell'attività sul mercato aperto.

 

Come funziona il trading di CFD?

Il trading di CFD consente di speculare sull'andamento del prezzo di uno strumento finanziario senza dover entrare in possesso dell'attività sottostante. Se il prezzo di mercato dell'attività si muove nella stessa direzione della tua operazione, otterrai un profitto.

I prezzi da considerare in un'operazione con i CFD sono due: il prezzo di "acquisto" e il prezzo di "vendita". Il modo in cui deciderai di operare dipenderà dalle tue previsioni sui trend di prezzo.

  • Posizione lunga: Una posizione lunga ha luogo quando effettui un'operazione BUY. In questo caso, prevedi che il valore dell'asset aumenti nel tempo. ACQUISTERAI quindi a un prezzo basso e VENDERAI una volta che il prezzo sarà salito.
  • Posizione corta: Una posizione corta si verifica quando ritieni che il valore dell’asset sia destinato a scendere e quindi decidi di VENDERE.

Vediamo questo concetto con alcuni esempi:

  • Esempio di trading di CFD sull'oro: L'oro è attualmente quotato a 1.820$. Seguendo le notizie di mercato e le analisi economiche, prevedi un aumento del valore dell’oro. Pertanto, apri una posizione "lunga" all'attuale prezzo di acquisto dell'oro. Supponiamo che, al momento della chiusura del contratto, il prezzo dell'oro sia salito a 1.901$. La direzione del mercato corrisponde a quella del tuo trade, hai quindi realizzato un guadagno. Tuttavia, se il prezzo fosse sceso al di sotto del prezzo di acquisto iniziale, avresti subito una perdita.
  • Esempio di trading di CFD su azioni: Dopo che Meta ha pubblicato un rapporto sugli utili deludente, sei convinto che la società sia sopravvalutata e che si tratti di una correzione più profonda, e non di un sell-off temporaneo. Pertanto, decidi di vendere Meta a 250$. Se il prezzo delle azioni di Meta continuasse a scendere, la tua operazione registrerebbe un profitto. Tuttavia, se il prezzo di Meta dovesse rimbalzare e superare nuovamente i 250$, la tua posizione subirebbe una perdita.

 

Perché fare trading con i CFD?

Un vantaggio fondamentale del trading con i CFD è la possibilità di accedere a un'ampia gamma di mercati e attività. Con i CFD, puoi accedere a diversi strumenti finanziari, tra cui azioni, indici, materie prime e valute, da un'unica piattaforma di trading. Ciò significa che hai l’opportunità di diversificare il tuo portafoglio e sfruttare le opportunità offerte dai vari mercati, anche se non hai accesso diretto a questi asset. Anche la possibilità di fare di fare trading a margine consente di accedere a più mercati, essendo che ti permette di controllare posizioni più ampie con un capitale minore, amplificando potenzialmente i profitti.

Nota: Il trading con leva può aumentare anche i rischi di perdita, pertanto è necessario adottare un rigoroso sistema di gestione del rischio.

Il trading con i CFD offre inoltre la flessibilità e l'opportunità di trarre profitto da mercati sia in rialzo che in ribasso. Con i CFD, puoi assumere posizioni lunghe (in acquisto) se prevedi un aumento del prezzo di un'attività, o posizioni corte (in vendita) se prevedi un ribasso del prezzo. Ciò significa che puoi potenzialmente trarre profitto dai movimenti di mercato in entrambe le direzioni, sfruttando le diverse condizioni di mercato.

 

Come fare trading con i CFD

Il trading di CFD è disponibile per chiunque abbia aperto un conto di trading con un broker online. Una volta creato il conto, puoi utilizzare la seguente guida generale per impostare un'operazione standard con i CFD:

  1. Seleziona un asset: Scegli lo strumento finanziario che desideri negoziare, come azioni, indici, materie prime o valute.
  2. Scegli la tua posizione: Valuta se a tuo avviso il prezzo dell'attività scelta aumenterà (vai long) o diminuirà (vai short). Se ti aspettati un aumento del prezzo, potrai entrare in una posizione lunga, al contrario se prevedi una diminuzione, potrai entrare in una posizione corta.
  3. Stabilisci la dimensione dell'operazione: Scegli il numero di unità (CFD) che vuoi negoziare. I CFD sono generalmente negoziati in "lotti" e ogni contratto rappresenta una specifica unità dell'attività sottostante.
  4. Imposta la leva finanziaria: La leva finanziaria consente di controllare una posizione di trading più ampia con una quantità di capitale relativamente minore. Tuttavia, è importante notare che la leva può amplificare sia i profitti che le perdite.
  5. Tieni monitorato l’andamento di mercato: Utilizza la piattaforma di trading messa a disposizione dal tuo broker per monitorare i movimenti di prezzo degli asset in tempo reale. Le piattaforme di trading CFD offrono in genere diversi strumenti per analizzare e monitorare il mercato.
  6. Apri una posizione: Quando sei pronto a entrare nel mercato, posiziona il tuo ordine attraverso la piattaforma. Dovrai specificare il tipo di operazione (acquisto o vendita), la dimensione dell'operazione e qualsiasi altro parametro richiesto dalla piattaforma. Ti consigliamo inoltre di utilizzare strumenti come lo stop-loss e il take-profit per bloccare i profitti e ridurre le perdite potenziali.
  7. Monitora la tua posizione: Una volta eseguita l'operazione, monitora la posizione e segui i movimenti di prezzo dell'asset. Se l'operazione non ha una scadenza prefissata, puoi scegliere di chiudere la posizione in qualsiasi momento in base alla tua strategia di trading.

 

Vantaggi del trading con CFD

  • Accesso a più mercati: Il trading di CFD consente di accedere a un'ampia gamma di mercati, tra cui azioni, indici, materie prime, valute e altro ancora, offrendo molte potenziali opportunità di trading.
  • Leva e margine: Le operazioni con i CFD offrono una leva finanziaria che consente ai trader di controllare posizioni più ampie con un capitale ridotto. Questo amplifica i profitti (e le perdite) potenziali, consentendo al contempo una certa flessibilità in termini di allocazione del capitale.
  • Posizioni long e short: I CFD consentono di trarre vantaggio sia dai mercati in rialzo che da quelli in ribasso. Assumendo posizioni lunghe, puoi potenzialmente beneficiare dei movimenti di prezzo al rialzo, mentre con le posizioni corte puoi trarre profitto dai movimenti di prezzo al ribasso.
  • Capacità di copertura: I CFD possono essere utilizzati come strumento di copertura per compensare potenziali perdite in un portafoglio esistente. Assumendo posizioni opposte, puoi mitigare il rischio e proteggere i tuoi investimenti.
  • Mancato possesso dell’asset sottostante: Il trading con i CFD consente di speculare sui movimenti dei prezzi senza possedere l'asset reale, eliminando la necessità di un investimento iniziale spesso elevato, richiesto per la proprietà e i potenziali costi di stoccaggio degli asset fisici (ad esempio, materie prime come un barile di petrolio o un silo di grano).
  • Dimensione del trade flessibile: I CFD permettono di scegliere liberamente le dimensioni degli scambi, consentendo di adattare le tue posizioni in base alla tua propensione al rischio e ai tuoi obiettivi.
  • Esecuzione rapida e conveniente: Le operazioni in CFD possono essere eseguite in modo rapido e comodo attraverso le piattaforme di trading online, che forniscono un accesso immediato ai mercati e alle quotazioni in tempo reale.
  • Ampio accesso ai mercati globali: Il trading di CFD consente di accedere ai mercati globali, permettendoti di diversificare il tuo portafoglio e aumentare potenzialmente la possibilità di individuare operazioni redditizie.
  • Strumenti di gestione del rischio: Le piattaforme CFD offrono spesso strumenti di gestione del rischio, come ordini di stop-loss e take-profit, per aiutarti a gestire e limitare le potenziali perdite.
  • Guadagnare dividendi: Puoi guadagnare dividendi se deteni una posizione lunga in un singolo titolo o in un indice azionario. L'adeguamento dei dividendi è negativo solo se detieni una posizione corta.

advantages and disadvantages of CFDs

Svantaggi del trading con CFD

  • Rischio connesso alla volatilità: I CFD possono essere negoziati su asset volatili, che possono registrare rapide fluttuazioni dei prezzi. I movimenti improvvisi del mercato possono causare perdite sostanziali o innescare la richiesta di margine.
  • La leva finanziaria amplifica le perdite: Se da un lato la leva finanziaria può aumentare i profitti potenziali, allo stesso modo amplifica anche le perdite. l trading con la leva finanziaria aumenta il rischio di perdite significative, poiché le perdite possono superare l'investimento iniziale.
  • Rischi connessi al broker: Le operazioni in CFD vengono eseguite con un broker o un istituto finanziario, esponendoti quindi al rischio di controparte. Se il broker fallisce o va in bancarotta, c'è il rischio di perdere il capitale investito o di avere difficoltà a ritirare i fondi. È importante quindi fare le dovute verifiche e scegliere un broker autorizzato, regolamentato e affidabile.
  • Commissioni e spese: Alcuni broker di CFD possono richiedere spese od oneri imprevisti, come i costi di finanziamento overnight, le commissioni o le spese di piattaforma. Bisogna pertanto capire esattamente quali sono le commissioni applicate del broker scelto per conoscere il costo totale di un’operazione di trading.
  • Overtrading e decisioni impulsive: Il facile accesso al trading di CFD può portare a una situazione di overtrading e decisioni impulsive. Il trading impulsivo, basato sulle emozioni piuttosto che su una strategia ben ponderata, può portare a risultati negativi.
  • Struttura complessa dei prezzi: I prezzi dei CFD nei mercati in rapida evoluzione possono essere complessi e non sempre rispecchiano esattamente il prezzo dell'attività sottostante. Fattori come gli spread, le commissioni e i costi di finanziamento possono influenzare il prezzo, rendendo fondamentale la comprensione della struttura dei prezzi dei CFD.
  • Rischi normativi: Il contesto normativo per il trading di CFD varia a seconda delle giurisdizioni. Le modifiche normative o le restrizioni imposte dalle autorità possono avere un impatto sulla disponibilità, sui limiti di leva o su altri aspetti del trading di CFD.
  • Mancato possesso dell’asset e di diritti di voto: Se fai trading di CFD non possiedi l'attività sottostante e non hai diritti di voto nella società associata.

 

Differenze tra trading di CFD e trading tradizionale

Sia il trading con i CFD che quello tradizionale (ad esempio, l'acquisto di azioni) forniscono un'esposizione ai movimenti di prezzo delle azioni. Tuttavia, vi sono alcune differenze fondamentali.

Quando si fa trading o si investe in azioni, si assume la proprietà diretta di un bene, di solito le azioni di una società. In questo caso, è possibile ottenere un profitto solo vendendo le azioni a un prezzo superiore a quello di acquisto.

Con il trading di CFD, invece, si opera solo sui movimenti di prezzo, per cui è possibile andare long (acquistare) o short (vendere) su strumenti di vari mercati globali, come azioni, materie prime, forex e indici. Questo ti permette di trarre profitto o perdita dalle fluttuazioni dei prezzi sul mercato senza possedere l'attività sottostante.

Un'altra differenza importante è l'uso della leva finanziaria. I CFD sono prodotti a leva finanziaria, il che significa che si deposita una piccola percentuale del capitale necessario per aprire una posizione di trading completa e si prende in prestito il resto dal proprio broker. Ciò consente di utilizzare una piccola somma di denaro per ottenere potenzialmente guadagni (o perdite) molto più elevati. Nel trading azionario, invece, si utilizza il proprio denaro per acquistare un'azione e si è tenuti a pagare l'intero prezzo iniziale.

Trading di CFD

Trading tradizionale

Utilizzo della leva Paghi l'intero prezzo dell’operazione
Ampio numero di mercati Titoli azionari ed ETF
Non possiedi l’asset sottostante Possesso effettivo dell’asset sottostante
Vai short e trai vantaggio da mercati al ribasso Impossibilità di trarre profitto da mercati al ribasso
Non vi sono privilegi da azionista Privilegi dell'azionista e diritti di voto
Nessuna imposta di bollo, ma i profitti sono soggetti all'imposta sulle plusvalenze Paghi l'imposta di bollo e l'imposta sulle plusvalenze sui profitti.
Possibilità di copertura dei rischi Copertura dei rischi mediante l’uso di strumenti derivati (opzioni, futures ed ETF inversi)

Come gestire il rischio nel trading di CFD?

Nel trading, si può avere la migliore strategia del mondo, ma senza una buona gestione del rischio è difficile rimanere redditizi nel lungo periodo. I mercati sono volatili, quindi limitare i rischi è essenziale.

5 strumenti e consigli per la gestione del rischio

  1. Imposta un ordine stop-loss: Uno stop-loss è un livello di prezzo prestabilito, raggiunto il quale (sia che si tratti di un ribasso che di un rialzo) un’operazione di trading si chiude automaticamente. Questo strumento funge da rete di sicurezza, limitando le perdite e assicurando che queste non superino il livello impostato.
  2. Imposta un ordine take-profit: Vuoi mettere al sicuro i tuoi profitti prima che si verifichi un’inversione di trend sfavorevole? Imposta un ordine take-profit e massimizza i tuoi profitti. Quando il mercato raggiunge il livello da te prestabilito la posizione verrà chiusa automaticamente garantendoti un guadagno.
  3. Imposta un ordine trailing stop: Un ordine trailing stop è uno strumento pensato per limitare le perdite E garantire i guadagni; il suo funzionamento è paragonabile a un ordine stop-- loss, rispetto al quale però offre maggior flessibilità. Viene impostato a una distanza prestabilita dal prezzo di mercato attuale e segue i movimenti del mercato.
  4. Modifica la dimensione del lotto: Nel trading la dimensione delle posizioni sono importanti. Più grande è una posizione, maggiore sarà il potenziale guadagno, ma maggiori saranno anche i rischi. Per capire qual è la giusta dimensione per il tuo lotto, valuta quanto capitale sei disposto a perdere nel caso in cui il mercato si muova in direzione sfavorevole.
  5. Utilizza i calcolatori di trading: Sfrutta i calcolatori di trading per aiutarti a impostare i tuoi trade:
    Calcolatore di margine: Verifica qual è il margine necessario per aprire una posizione.
    Calcolatore profitti/perdite: Questo strumento è utile per calcolare i profitti e le perdite e impostare livelli stop-loss e take-profit.
    Calcolatore Pip: Fai una stima dei potenziali profitti o perdite basandoti sui Pip.

 

Pronto a scambiare con il tuo vantaggio?

Unisciti a migliaia di trader e fai trading di CFD su forex, azioni, indici, materie prime e criptovalute!

 

 

Le informazioni non devono essere interpretate come raccomandazioni o offerte di acquisto o vendita di qualsiasi titolo, prodotto finanziario o strumento, né come invito a partecipare a qualsiasi strategia di trading. Il presente sito non tiene conto delle vostre risorse, della vostra situazione finanziaria nonché dei vostri obiettivi di investimento. Qualsiasi riferimento alle performance di operazioni di trading e previsioni passate non costituiscono in alcun modo garanzia di rendimenti futuri. Axi non si assume alcuna responsabilità in merito all’accuratezza e completezza dei contenuti presenti in questo sito. I lettori sono pregati di rivolgersi ai propri consulenti di fiducia.

FAQ


Il trading di CFD è consentito nel mio Paese?

Alcuni Paesi non consentono di fare trading di CFD. Se il tuo paese di residenza non è indicato nel modulo di richiesta online quando apri un conto di trading, significa che non puoi svolgere questo tipo di trading.


Fare trading di CFD è sicuro?

Come per qualsiasi strumento finanziario o investimento, il trading di CFD comporta un rischio. L'uso della leva finanziaria può rendere i CFD più rischiosi rispetto ai prodotti senza leva, come le azioni fisiche. Prima di iniziare a fare trading con un conto live, dovresti familiarizzare con questi prodotti, fare pratica in un ambiente privo di rischi e imparare di più sulla gestione del rischio.


Qual è il volume minimo che posso negoziare per un prodotto CFD?

La dimensione minima degli scambi per i conti Standard e Pro di Axi è di 0,01 lotti. Tuttavia, questo numero può cambiare a seconda dello strumento che si sta negoziando. 


Qual è la differenza tra CFD e opzioni?

Le opzioni e i CFD hanno alcune caratteristiche comuni. Entrambi possono fornire un'elevata leva finanziaria e la flessibilità può essere utilizzata sia per la copertura che per la speculazione. Tuttavia, vi sono alcune differenze sostanziali. Quando si acquista un CFD, si accetta di scambiare la differenza tra prezzo di apertura e di chiusura dell'operazione. Le opzioni ti danno il diritto (ma non l'obbligo) di acquistare o vendere un'attività a un determinato prezzo in futuro. Offrono inoltre una maggiore flessibilità e permettendoti di creare strategie complesse con questi strumenti.


Qual è la differenza tra trading di CFD e futures?

Un CFD rappresenta il movimento del prezzo di un'attività, fornendo un quadro chiaro delle variazioni di valore che si verificano mantenendo aperta una posizione.

Quando un trader sottoscrive un contratto futures, accetta di acquistare o vendere, in un secondo momento, l'attività sottostante a un prezzo e a una data prestabiliti. Si tratta di un contratto che verrà eseguito in futuro e il prezzo stabilito rimarrà invariato, indipendentemente dal movimento di valore dell'attività. L'acquirente di un contratto futures deve eseguire l'attività sottostante alla scadenza del contratto. Di conseguenza, il venditore del contratto, o accordo, ha l'obbligo di consegnare l'attività alla data concordata.

I futures operano sulla base dei prezzi stabiliti dai mercati, essendo questi negoziati in borsa mentre i CFD operano sulla base dei prezzi stabiliti dal broker. Pertanto l'integrità del prezzo dovrebbe essere maggiore nel caso dei futures rispetto ai CFD.

In poche parole, i futures possono essere considerati un'alternativa meno flessibile e più strutturata dei CFD.


Quanto dura un contratto CFD?

Il momento in cui un contratto CFD giunge a scadenza è chiamato rollover. La data di scadenza è l'ultimo giorno in cui è possibile negoziare quel particolare contratto.   

Prima della scadenza del contratto, un trader ha tre opzioni: la compensazione o la liquidazione della posizione, il regolamento o il rollover. Un rollover è quando un trader sposta la propria posizione dal contratto front-month (vicino alla data di scadenza) a un'altra data più lontana nel tempo, per evitare i costi o gli obblighi associati alla liquidazione dei contratti. I rollover dei contratti non generano profitti. 

Nota: La data di rollover di un contratto CFD non è applicabile a tutti i prodotti di trading. 


I CFD sono migliori delle azioni?

La decisione di fare trading con i CFD piuttosto che investire sulle azioni è una scelta soggettiva, che dipende dai tuoi mezzi e obiettivi finanziari.  

I CFD azionari consentono di utilizzare la leva finanziaria quando si fa trading sui movimenti di prezzo delle azioni, il che significa che puoi ottenere profitti più elevati con un capitale inferiore. Se da un lato questo può incrementare i guadagni, dall'altro aumenta anche i rischi. La negoziazione di CFD azionari offre una certa flessibilità: puoi andare long (acquistare) quando prevedi un aumento dei prezzi o andare short (vendere) per trarre profitto dal calo dei prezzi delle azioni. 

Tuttavia, con i CFD non si ha alcun diritto di voto e gli obblighi fiscali potrebbero essere diversi da quelli delle azioni fisiche, a seconda del Paese di residenza. 


Su quali mercati posso operare con Axi?

Axi ti consente di fare trading si CFD su un'ampia gamma di mercati. Per un elenco completo degli strumenti di trading CFD, consulta la nostra Scheda di prodotto.



Milan Cutkovic

Milan Cutkovic

Milan Cutkovic ha oltre otto anni di esperienza nel trading e nell'analisi di mercato su forex, indici, materie prime e azioni. È stato uno dei primi trader accettati nel programma Axi Select, che identifica profili di grande talento e li assiste nello sviluppo professionale.

Oltre a essere un trader, Milan scrive analisi giornaliere per la comunità di Axi, utilizzando la sua vasta conoscenza dei mercati finanziari per fornire spunti e commenti unici. Aiuta gli altri ad avere più successo nel trading per passione e condivide le sue competenze contribuendo a realizzare eBook di trading completi e pubblicando regolarmente articoli educativi sul blog di Axi.

Il suo lavoro viene spesso citato e menzionato in numerose pubblicazioni finanziarie di rilievo, tra cui Yahoo Finance, Business Insider, Barrons, CNN, Reuters, New York Post e MarketWatch.

Puoi trovarlo su:  LinkedIn


More on this topic

Saperne di più

Pronto a scambiare con il tuo vantaggio?

Inizia a fare trading con un broker globale premiato.

Demo Apri un conto live